Articoli con tag Tetra Pak

Liam, un progetto di successo dell’Open Innovation

Autori: H. Seeger, G. Berghella, CRIT
Articolo pubblicato su Automazione e Strumentazione, luglio 2013

La nascita del Laboratorio Industriale Automazione Macchine per il Packaging (Liam), un’iniziativa di cinque soci di Crit Research. Manutenzione predittiva, prototipazione virtuale e benchmarking le attività principali di Liam, al servizio dell’innovazione nel settore del packaging.

Per ogni azienda la continua innovazione dei propri prodotti è la chiave per il successo. In passato i processi di innovazione erano considerati delle dinamiche da gestire internamente ai confini aziendali. Da più di una decina di anni si sente sempre più parlare diOpen Innovation, un nuovo modello di gestione della conoscenza che descrive processi di innovazione caratterizzati dall‘apertura verso l’esterno. Le logiche di innovazione aperta possono essere implementate attraverso diverse strategie di gestione che posso prevedere, ad esempio, la collaborazione con centri di ricerca esterni, il coinvolgimento come parte attiva dei propri clienti o fornitori o l‘eventuale cessione dei risultati della ricerca interna, anche trasformando programmi di sviluppo interni in progetti open source. Un modello di successo di Open Innovation è stato messo in piedi all’inizio degli anni 2000 con la fondazione di Crit Research che può essere considerato uno dei precursori europei dell’Open Innovation. Prosegui la lettura »

, , , , , , , , ,

Nessun commento

Quale futuro per l’automazione industriale?

Nella città felsinea il primo Benchmark Forum italiano sulle prospettive dell’automazione “made in Italy”. Crit di Vignola e la tedesca Itq gli organizzatori dell’evento.

Dare forma all’automazione “made in Italy” dei prossimi anni: è questo lo scopo del primo Benchmark Forum Italia-Ingegneria Intelligente che si terrà a Bologna il 6 novembre. Il convegno nasce per mettere a confronto i principali fornitori mondiali di soluzioni per l’automazione con i produttori italiani di macchine e impianti operanti sul mercato internazionale e i più noti utilizzatori finali di queste tecnologie. [..]

Continua a leggere su EmmeWeb

, ,

Nessun commento

Convegno Club degli Innovatori, illustrate alle aziende le nuove frontiere dell’acciaio inossidabile

Convegno Acciai

Convegno Acciai Inossidabili Innovativi - Confindustria Modena 27/09/2012

Si è svolto ieri presso la sede di Confindustria Modena il Convegno sugli Acciai Inossidabili Innovativi, organizzato dal Club degli Innovatori di Confindustria Modena in collaborazione con Crit Research.

L’incontro, che aveva lo scopo di approfondire le recenti evoluzioni nello sviluppo degli acciai inossidabili, ha visto la partecipazione di oltre cinquanta persone appartenenti a più di trenta imprese.

Dopo i saluti della vicepresidente di Confindustria Modena Roberta Caprari e del presidente di Crit Research Federico Corradini, la tematica del convegno è stata introdotta dalla presentazione di Gianvincenzo Salamone (Thyssenkrupp Acciai Speciali Terni) sulle caratteristiche e proprietà degli acciai superferritici, e successivamente approfondita dalla presentazione di Fabrizio Casadei (Centro Sviluppo Materiali) sulla qualificazione tecnologica e l’application engineering.

ThyssenKrupp Acciai Speciali Terni ha infatti realizzato, attraverso la collaborazione con Centro Sviluppo Materiali, una nuova serie di acciai inossidabili ferritici ad elevato contenuto di cromo e bassissimo tenore di carbonio – appartenente alla famiglia dei “superferritici”- in grado di rappresentare una valida alternativa ai convenzionali gradi austenitici per quelle applicazioni in cui è determinante la resistenza alla corrosione. Gli acciai superferritici assicurano infatti un’elevata resistenza alla corrosione generalizzata e localizzata, anche allo stato saldato. L’assenza di elementi costosi e dalla quotazione volatile, quali Ni e Mo, garantisce inoltre convenienza e stabilità di prezzo rispetto ai gradi inossidabili austenitici convenzionali, quali 304 e 316L.

In conclusione, sono state riportate due interessanti esperienze aziendali per la possibile sostituzione degli acciai austenitici con gli innovativi acciai superferritici.  Il primo intervento, realizzato da Manuela Franchi di Tetra Pak Packaging Solutions Spa, ha illustrato l’attività di analisi condotta dall’azienda  per esplorare la possibilità di utilizzare questi acciai innovativi in ambito food; la seconda testimonianza, riportata da Carlo Ferrari e  Alessandro Zerbini di Wittur Spa, ha messo in evidenza una serie di test condotti dall’azienda per validare l’impiego di tali materiali per applicazioni in campo ascensoristico.

, , , ,

Nessun commento

Thomson Reuters “Top 100 Global Innovators”

Thomson Reuters ha recentemente pubblicato la classifica dei primi 100 “global innovators” dell’anno 2011, global company che si sono distinte, a livello worldwide, come leader per quanto concerne l’attività di innovazione tecnologica.

Thomson Reuters TOP100 Global Innovators

La classifica è frutto di un’attività di analisi, realizzata da Thomson Reuters, basata su metriche che fanno riferimento a vari aspetti dell’innovazione correlati all’attività brevettuale e scientifica di tali soggetti. Si tratta di aziende che hanno una significativa produzione di invenzioni, che stanno lavorando su sviluppi tecnologici riconosciuti come innovativi dagli uffici brevetti di tutti i principali paesi del mondo e per i quali richiedono protezione a livello globale.

Dallo studio emerge come la maggior parte delle aziende provenga dagli Stati Uniti, che si confermano paese leader nell’ambito dell’industria dei semiconduttori e dei componenti elettronici. L’Europa occupa una posizione di leadership nello sviluppo e produzione di macchinari; fra le aziende localizzate nel nostro continente si distingue Tetra Laval, gruppo di cui fa parte Tetra Pak, azienda socia di CRIT.

Il report dell’analisi svolta da Thomson Reuters è scaricabile gratuitamente, previa registrazione, al seguente link.

Fonte: Thomson Reuters

, , ,

Nessun commento

LIAM: al via il laboratorio collaborativo di Crit per l’automazione industriale

Ne fanno parte Sitma, Ima, Sacmi, Selcom e Tetra Pak Packaging Solutions. L’inizio dell’attività è fissato per il 1° febbraio 2011 nella sede del Crit.

Fonte: EmmeWeb

Ai blocchi di partenza Liam, il progetto che porterà alla realizzazione di un laboratorio dedicato all’automazione per il packaging. Le aziende coinvolte in Liam sono Sitma, Ima, Sacmi, Selcom e Tetra Pak Packaging Solutions. L’obiettivo di questo gruppo di imprese, costituitosi grazie al supporto di Crit Research, è realizzare un laboratorio industriale di proprietà congiunta, finalizzato alla ricerca e allo sviluppo di tecnologie, strumenti e attrezzature innovative.

Continua a leggere…

, , , , , , ,

Nessun commento

La seconda edizione del Premio per lo sviluppo sostenibile

Anche quest’anno, in occasione della Fiera Ecomondo di Rimini, a tre aziende del “made in Italy” operanti nel settore delle Green Technologies è stato assegnato il Premio Sviluppo Sostenibile, istituito dalla Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile con l’adesione del Presidente della Repubblica: si tratta della My Clima di Treviso, per la categoria energia, della Lecce Pen di Settimo Torinese, per il settore dei rifiuti e della Plaxtech di Udine, per la categoria prodotti e servizi innovativi.
Le imprese sono state giudicate in base all’efficacia dei risultati ambientali raggiunti, del contenuto innovativo del processo o del prodotto, dei risultati economici conseguiti, della possibilità di diffusione in Italia del processo o del prodotto.
La My Clima del Gruppo Fiorini di Treviso e’ stata premiata per la realizzazione della pompa geotermica Domus di dimensioni ridotte – non più grande di un frigorifero- in grado di fornire calore, raffrescamento e acqua calda. La gestione della pompa di calore Domus si avvale anche di un sofisticato software, denominato Galileus, in grado di gestire l’ integrazione delle varie fonti.
Alla Lecce Pen è stato assegnato il Premio per un innovativo processo di riciclo del cartoni per bevande Tetra Pak. Con questo processo viene separata e riciclata la frazione di cellulosa dei cartoni per bevande Tetra Pak, mentre quella composta da plastica e alluminio viene lavorata producendo un granulato plastico, denominato Ecoallene e impiegato per produrre vari oggetti per la casa e per l’ufficio.
La Plaxtech, infine, si è aggiudicata il Premio per la realizzazione di Roteax: un sistema innovativo di stampaggio multiniezione a bassissima pressione che consente di riciclare anche tipologie diverse di plastiche a base poliolefinica, derivate dalla raccolta di rifiuti di plastiche miste, pre e post-consumo, producendo manufatti di ottima qualità con un processo sostenibile a ciclo chiuso.

Fra tutti i partecipanti sono state segnalate 10 imprese che si sono distinte per ciascuno dei tre settori del premio e fra queste sono stati scelti i tre vincitori (qui l’elenco completo delle aziende). Nella Top Ten delle aziende sostenibili nel settore energia, si segnala l’azienda fioranese System Photonics, che ha ricevuto la menzione per i suoi sistemi fotovoltaici integrati nell’architettura ottenuti sfruttando lastre ceramiche come backsheet, senza telaio: un sistema assolutamente innovativo per sposare soluzioni a impatto zero senza rinunciare all’estetica.

Processo del riciclo del Tetra Pak

Processo del riciclo del Tetra Pak

, , , , , , , ,

Nessun commento