Articoli con tag food industry

2011 State of innovation: il rapporto annuale di Thomson Reuters sullo “stato dell’innovazione”

Thomson Reuters ha recentemente pubblicato il suo terzo rapporto annuale sull’innovazione, realizzato analizzando l’attività inventiva in 12 aree tecnologiche strategiche a livello mondiale:

  • Computer & Peripherals
  • Telecommunications
  • Automotive
  • Semiconductors
  • Medical Devices
  • Pharmaceuticals
  • Domestic Appliances
  • Aerospace
  • Biotechnology
  • Petroleum
  • Food, Tobacco, Beverage Fermentation
  • Cosmetics

Thomson Reuter State of Innovation 2011Il report fornisce approfondimenti sulle 12 aree tecnologiche nelle quali vi è stata maggior attività di ricerca e sviluppo da parte delle aziende di tutto il mondo nel corso del 2011, evidenzia il confronto rispetto all’anno 2010 (laddove i dati sono disponibili) nonché le aree in cui si è manifestata una maggiore crescita (o calo). Per alcuni sottosettori è evidenziata la lista dei principali players per le tre aree geografiche di riferimento: Europa, Asia, Stati Uniti.

Fra i principali risultati dell’interessante analisi si segnala che:

  • La maggior crescita è stata riscontrata per due settori: Domestic Appliances e Medical Devices. Entrambi hanno evidenziato trends positivi in tutte le sottocategorie che li descrivono.
  • Una consistente riduzione di attività è stata riscontrata nel settore Aerospace, ad eccezione dello specifico sottosettore riguardante lo sviluppo dei sistemi di propulsione.
  • Per il settore Automotive la crescita maggiore è stata registrata nell’ambito Alternate Powered Vehicle.
  • Nel presente report è stata introdotta l’area Biotecnologies (non presente nel precedente), che ha scalzato quella relativa a Agrochemicals & Agriculture, per via della maggiore attività innovativa riscontrata nel corso del 2011.

Per dettagli ulteriori si rimanda alla consultazione del report, gratuita previa registrazione.

, , , , , , , , , , , , , ,

Nessun commento

Convenience vs. Conscience – Food Packaging in the 21st century

Thomson Reuters ha recentemente pubblicato un proprio studio che esplora l’industria del food packaging, identificandone i principali trends e drivers.

L’analisi riporta una valutazione dello stato dell’innovazione nei settori del food and beverage packaging, effettuata utilizzando dati provenienti da verie fonti proprietarie tra cui: brevetti, marchi, letteratura scientifica, dati relativi a litigation nonché i risultati di una survey realizzata su un campione di oltre 1000 individui.

Food Packaging

Credit: Reuters/Hazir Reka

I risultati dell’analisi evidenziano come gran parte delle innovazioni introdotte a livello di packaging material e/o di metodi/tecniche di impacchettamento derivi dalle aziende (B2B) che sviluppano, producono e vendono macchinari, impianti e materiali ai grandi produttori di cibo e bevande. Tali attività di R&D sono fondamentalmente orientate a migliorare la disponibilità e la qualità di cibo e bevande confezionati e le invenzioni che ne risultano sono, per lo più, protette da brevetti o da design.

Prosegui la lettura »

, , , , ,

Nessun commento

2010 State of innovation: il rapporto annuale di Thomson Reuters sullo “stato dell’innovazione”

Thomson Reuters ha recentemente pubblicato il suo secondo rapporto annuale sull’innovazione, realizzato analizzando l’attività inventiva (domande di brevetto e brevetti concessi) in 12 aree tecnologiche strategiche a livello mondiale:

  • Computer & Peripherals
  • Automotive
  • Telecommunications
  • Semiconductors
  • Pharmaceuticals
  • Medical Devices
  • Petroleum & Chemical Engineering
  • Domestic Appliances
  • Food Tobacco & Fermentation
  • Aerospace
  • Agrochemicals & Agriculture
  • Cosmetics

2010 State of InnovationLe aree tecnologiche, sopra elencate secondo l’effettivo ranking emerso dall’analisi svolta da Thomson Reuters, rappresentano gli ambiti caratterizzati da un maggior volume di attività brevettuale. L’analisi è stata condotta utilizzando i dati provenienti dalla banca dati Derwent World Patent Index© (DWPI™) ed è stata circoscritta all’anno di pubblicazione 2010. Il report presenta i risultati dell’analisi relativi alle 12 aree tecnologiche identificate ed ai relativi sotto-settori di ciascuna di queste. Inoltre per i sotto-settori con maggiore attività brevettuale, vengono messi in evidenza i top 10 assignees/aziende.

Prosegui la lettura »

, , , , , , , , , , , , , , , ,

Nessun commento

Computer-related inventions lead in patent activity according to Thomson Reuters 2009 Innovation Report

Fonte: www.thomsonreuters.com

Global Intellectual Property Analysis Finds Most Prolific Patenting in Computers & Peripherals, Semiconductors, Telecommunications, Automotive and Pharmaceutical Industries

EAGAN, Minn, USA, Jan. 7, 2010 – Innovation activity amidst the Great Recession of 2009 was robust across major industries and technology areas, according to an analysis of world patent activity published by the IP Solutions business of Thomson Reuters.

The new study, 2009 Innovation Report: Twelve Key Industries and Their States of Innovation, tracks unique inventions in granted patents and published applications within aerospace, agrochemicals & agriculture, automotive, computers & peripherals, cosmetics, domestic appliances, food, tobacco & fermentation, medical devices, petroleum & chemical engineering, pharmaceuticals, semiconductors, and telecommunications.

Key findings include:

  • Computers & Peripherals lead with 226,293 inventions in ’09: With more than double the number of patents filed in any of the other technology areas studied, the Computers & Peripherals industry saw a great deal of innovation coming from computer manufacturers, peripherals makers and smart media developers.
  • Mobile phones continue to drive new innovation: Within the broad telecommunication technology area, mobile telephony is the leader in new patent activity, with 44,714 records in this category in 2009.
  • Alternative power heats up auto industry: Alternative power has become the biggest source of patent activity in the automotive industry, surpassing perennial leaders such as engine design, braking systems and safety in 2009.

The data in this report was compiled using the Thomson Reuters Derwent World Patents Index (DWPI) database.   Patent activity is used as a benchmark for innovation. The research aggregates granted patents and published applications (examined and unexamined) from Jan. 1 through Dec. 11, 2009.

To view the full report, 2009 Innovation Report: Twelve Key Industries and Their States of Innovation, and see additional methodology details, go to http://ip.thomsonreuters.com/info/InnovRep/index.html.

, , , , , , , , , , ,

Nessun commento

In Italia 2 su 3 scelgono prodotti ecosostenibili

Fonte: www.lastampa.it

Gli italiani al supermercato sono sempre più attenti a come vengono prodotti i cibi che acquistano: il 70% dà importanza agli aspetti etico-sociali mentre il 65% a quelli ambientali, e addirittura l’83% dà valore a una produzione con basse emissioni di CO2. Questo trend è confermato anche delle aziende agroalimentari: l’83% ritiene che la considerazione dei temi ambientali ed etico sociali tenderà a crescere, e il 41% ha già in programma iniziative concrete per ridurre l’impatto ambientale.

Lo rivelano le opinioni espresse sia dai consumatori sia dalle imprese interpellate nel corso di un’indagine effettuata dalla fondazione internazionale Dnv (Det Norske Veritas), uno dei principali organismi indipendenti di certificazione e gestione dei rischi, per comprendere l’evoluzione del settore in Italia. Condotta nel mese di aprile, la ricerca ha rilevato in due fasi distinte il «sentiment» sia dell’offerta sia della domanda sui temi della sicurezza e della sostenibilità dei prodotti agroalimentari.

Dalla ricerca emerge in primo luogo una tendenza consolidata: i comportamenti d’acquisto dei consumatori premiano la fiducia nella marca dei prodotti e nel punto vendita. La sicurezza e la qualità del prodotto sono considerati dei prerequisiti all’acquisto: nel 72% dei casi viene verificata solamente la data di scadenza soprattutto presso le fasce d’età più giovani (25-44 anni) e al Centro Sud; nel 49,3% dei casi ci si affida anche alla notorietà/reputazione di marca mentre nel 34, 3% di quella del Venditore/Punto Vendita. Nella valutazione del prodotto, invece, vengono adottati in misura crescente da oltre due terzi degli interpellati nuovi parametri di valutazione quali il rispetto della tematiche ambientali ed etico- sociali: il 65% del campione attribuisce importanza alla voce «Ambiente/ Inquinamento», con maggiore incidenza presso i soggetti più Maturi, le Donne residenti al Nord di Italia; il 70% attribuisce importanza agli aspetti Etico- Sociali con incidenza leggermente più alta presso i soggetti più Maturi. continua a leggere…

, , ,

Nessun commento