Dissalare l’acqua marina grazie al solare fotovoltaico a concentrazione e alle nanomembrane


Fonte:  IBM

Well-defined Nanostructured Membranes - IBMIBM e King Abdulaziz City for Science and Technology (KACST), l’organizzazione nazionale di ricerca e sviluppo dell’Arabia Saudita, hanno intrapreso una collaborazione di ricerca finalizzata a creare un impianto di dissalazione dell’acqua basato su una combinazione di due tecnologie innovative ed in grado di offrire una soluzione alla crescente domanda di acqua potabile da parte della popolazione saudita. Nella città di Al Khafji sarà infatti costruito prossimamente un nuovo impianto di dissalazione ad alta efficienza energetica, con una capacità di produzione prevista di 30.000 metri cubi al giorno ed idoneo a  servire 100.000 persone. Il KACST prevede di alimentare l’impianto con la tecnologia UHCPV (Ultra-High Concentrator Photovoltaic), sviluppata insieme ad IBM, utilizzando un sistema fotovoltaico (CPV) ad una concentrazione superiore a 1.500 soli. All’interno dell’impianto, inoltre, il processo di dissalazione sarà basato su un’innovativa tecnologia a nanomembrana in grado di filtrare i sali e le tossine potenzialmente nocive presenti nell’acqua, utilizzando minore energia rispetto ad altre forme di depurazione.

Allo stato attuale i metodi più comunemente impiegati per la dissalazione dell’acqua marina sono la tecnologia termica (distillazione seguita da condensazione) e l’osmosi inversa, ma presentano entrambi un costo troppo elevato per essere applicato su larga scala. Nella osmosi inversa, in particolare, l’elevato costo è dovuto soprattutto a problemi di natura tecnica che pregiudicano il buon funzionamento delle membrane polimeriche comunemente utilizzate nel processo. La ricerca congiunta KACST e IBM è incentrata sul miglioramento delle membrane attraverso la modifica delle proprietà dei polimeri su nanoscala. Grazie alla combinazione offerta dall’elevato apporto energetico fornito dalla tecnologia solare a concentrazione e dalle proprietà della nuova nanomembrana, sarà possibile migliorare l’efficienza energetica del processo e ridurre significativamente il costo della dissalazione dell’acqua marina.

Trasformare l’acqua salata in acqua dolce in modo efficace in termini di costi ed efficiente in termini di energia offre un enorme potenziale per affrontare la crescita della domanda mondiale di acqua pulita. Attualmente nel nostro pianeta una persona ogni cinque non ha ancora accesso all’acqua potabile e occorre trovare presto una soluzione per far fronte a questa crescente domanda.  Utilizzando queste nuove tecnologie, IBM e KACST si pongono l’obiettivo di realizzare sistemi di desalinizzazione implementabili a breve sia in tutta l’Arabia Saudita che a livello mondiale.

, , , ,

  1. #1 di Johanna Ronco il 31 maggio 2011 - 10:12

    Grazie per l’interesse dimostrato per l’articolo.
    Per maggiori informazioni sulla nostra attività di brokeraggio tecnologico (e nello specifico sulla ricerca di aziende e players tecnologici), la invitiamo a contattarci telefonicamente al numero 059/776865, oppure via mail all’indirizzo info@crit-research.it.

  2. #2 di luigi tolomio il 24 maggio 2011 - 17:49

    Da molti anni forniamo un cliente in Medio Oriente che ci chiede impianti di desalinazione con fotovoltaico, chiediamo nominativi aziende produttrici per contatti commerciali .
    grazie e distinti saluti
    luigi tolomio
    cell. 348 1401820

(non verrà pubblicata)