Il più piccolo sensore autonomo mai realizzato


Fonte: http://lescienze.espresso.repubblica.it

Il punto di forza del nuovo dispositivo è il fatto di utilizzare un processore convenzionale che ne dovrebbe favorire la diffusione commerciale

Un sensore alimentato a energia solare di 9 millimetri cubi realizzato presso l’Università del Michigan ha guadagnato il primato di più piccolo dispositivo in grado di sfruttare l’energia ambientale mai costruito.

Processore, cella solare e batteria sono tutti contenuti in un involucro di 2,5×3,5×1 millimetri, quindi 1000 volte più piccolo di un analogo dispositivo disponibile sul mercato attualmente.

Utilizzabile per produrre impianti biomedicali e sistemi di monitoraggio ambientali, potrebbe migliorare l’efficienza delle reti di sensori riducendo al contempo i costi.

Uno dei punti di forza del dispositivo, come sottolineano i ricercatori che l’hanno presentato all’International Solid-State Circuits Conference di San Francisco, è il fatto di utilizzare un processore convenzionale, l’ARM Cortex-M3, con architettura a 32 bit, che dovrebbe favorire la sua diffusione commerciale. Esso è attualmente il microcontroller più parco nel consumo di energia elettrica disponibile sul mercato (il microcontrollore è un dispositivo alternativo al microprocessore, dotato di minore potenza ma anche capace di consumi nettamente inferiori).

Continua a leggere.

,

  1. Nessun commento ancora.
(non verrà pubblicata)