Archivio dicembre 2009

The Year in Materials

Fonte: www.technologyreview.com

New materials harnessed hamster power, and researchers made carbon nanotubes practical.

By Katherine Bourzac

For years now, people have been talking up carbon nanotubes and their potential to be used for far-out applications including strong space-elevator cables, robust electrical transmission lines, and high-performance nanotube computers. These things may still be a decade off, but several advances this year make them sound less like fantasies.

Researchers at Rice University refined methods for spinning acid solutions of carbon nanotubes into fibers hundreds of meters long (“Making Carbon Nanotubes into Long Fibers”). Their process, which could be used industrially (it’s similar to how Kevlar is made), is the culmination of eight years of work begun by the late Richard Smalley, who shared the Nobel Prize in chemistry in 1996 for the discovery of carbon nanomaterials (“Wires of Wonder”). In order to make electrical transmission lines, researchers still need to perfect a process for growing pure batches of metallic nanotubes. Today they come out mixed with semiconducting tubes, and the two must be separated. Still, the Rice demonstration of making nanotubes into large structures is a major accomplishment.

On the nanotube electronics front, the year started out strong. The company Unidym, which makes transparent electrodes from carbon nanotubes, demonstrated its products, and companies including Samsung tested them in displays (“Clear Carbon-Nanotube Films”). Unidym’s nanotube films could be incorporated into flexible displays and replace the expensive, brittle materials currently used to make display electrodes.

The year also brought major accomplishments in making more sophisticated nanotube devices for displays, including the integrated circuits that drive them (“Practical Nanotube Electronics”). One of the major advantages of nanotube display circuits is that they could be printed like newspaper, which should bring down costs. And this month at the International Electron Devices Meeting, researchers at Stanford presented the first three-dimensional nanotube circuits (“Complex Integrated Circuits Made of Carbon Nanotubes”). The processes their nanotube circuits can carry out, like adding and storing numbers, are about as sophisticated as what silicon could do in the mid-1960s.

Meanwhile, researchers at Cornell made an interesting basic science demonstration: single nanotubes can be wired up to make extremely efficient solar cells (“Superefficient Solar from Nanotubes”). While conventional solar materials can only produce one electron per striking photon, carbon nanotubes can produce two if the photon has enough energy. Continua a leggere…

, , ,

Nessun commento

Patent Information News 4/2009 just published!!

Segnalo l’uscita del terzo numero di Patent Information News, interessante newsletter periodica prodotta da EPO (European Patent Office).
Di seguito l’indice di questo numero:

  • Editorial
  • The creation of a new profession?
  • Introducing “Post-grant renewal fees” and why they’re important for patent information
  • Improved navigation for Register Plus
  • Significant improvements to esp@cenet
  • Tips for esp@cenet users
  • Fit for Asia?
  • Korean patent information Part 2: Retrieving Korean legal status
  • Statistics experts meet in Vienna
  • Production of four ESPACE products to stop
  • Search Matters 2010
  • Seminar calendar 2010
  • News from Poland
  • Publications corner
  • Other news

,

Nessun commento

Return of the Steam Engine?

Fonte: Tehnology Review – Blog

Cyclone Power TechnologiesThe gasoline-powered, internal combustion engine dominated transportation during the 20th century, but during the early years of the automobile it wasn’t obvious that it would beat out two alternatives: batteries and steam.

The movement to cut carbon emissions and petroleum consumption has of course renewed interest in electric vehicles. But there’s also an effort to revive the steam engine. Startup Cyclone Power thinks it has a way to replace internal combustion engines. continua a leggere…

,

Nessun commento

Complex Integrated Circuits Made of Carbon Nanotubes

Fonte: www.technologyreview.com

New circuits bring low-power nanotube computers closer.

By Katherine Bourzac

Carbon circuit: This carbon-nanotube circuit, which is a memory element, is one of the many possible designs that can be made with new methods. Credit: Stanford

Carbon circuit: This carbon-nanotube circuit, which is a memory element, is one of the many possible designs that can be made with new methods. Credit: Stanford

The first three-dimensional carbon nanotube circuits, made by researchers at Stanford University, could be an important step in making nanotube computers that could be faster and use less power than today’s silicon chips. Such a computer is still at least 10 years off, but the Stanford work shows it is possible to make stacked circuits using carbon nanotubes. Stacked circuits cram more processing power in a given area, and also do a better job dissipating waste heat.

A recent IBM study showed that for a given total power consumption, a circuit made from carbon nanotubes is five times faster than a silicon circuit. “We can make silicon transistors smaller and smaller, but at extremely small dimensions they don’t show the desired performance anymore,” says Zhihong Chen, manager of carbon technology at the IBM Watson Research Center. “We are looking to alternative materials that can be scaled more aggressively but still maintain device performance.”

Researchers have had great success in making single nanotube transistors in the lab, but scaling them up to make complex circuits has been difficult because it’s impossible to control the quality of every single nanotube. The Stanford circuit designs, which were presented last week at the International Electron Devices Meeting in Baltimore, make it possible to create more complex nanotube circuits in spite of the material’s limitations.

“When we deal with a large number of nanoscale components, we can’t demand everything to be perfect,” says H.-S. Philip Wong, professor of electrical engineering at Stanford. When the Stanford researchers grow arrays of nanotubes to make circuits, they get a mix of semiconducting nanotubes and metallic nanotubes that will cause electrical shorts if they’re not eliminated. Some of the nanotubes grow in straight lines, but some are squiggly, and these must also be worked around. While chemists work on methods for growing straight, pure nanotubes, the Stanford researchers’ question, Wong says, is, “How do we mitigate that and make sure the system still works?” continua a leggere…

, , ,

Nessun commento

A Ferrara la rivoluzione del fotovoltaico

Fonte: www.ermesimprese.it

Ferrara, 17 dicembre 2009 – Gli elementi alla base delle celle fotovoltaiche sono rari e costosi: Silicio, Arseniuro di Gallio (GaAs), Fosfuro di Indio e Gallio (InGaP), ma soprattutto Germanio (Ge) consentono di ricavare energia pulita dal sole ma comportano investimenti importanti. Dichroic Cell in collaborazione con l’Università di Ferrara e CNR-INFM (Consiglio Nazionale delle Ricerche-Istituto Nazionale per la Fisica della Materia) ha messo a punto una rivoluzionaria tecnologia che consente di convertire il Germanio in Silicio, un processo che rende più efficiente la gestione delle risorse, migliorando i tempi e contraendo i costi. Il procedimento si basa sull’utilizzo del reattore LEPECVD (Low Energy Plasma Enhanced Chemical Vapor Deposition), un macchinario che nelle previsioni dei suoi promotori permetterà di abbattere il costo del substrato delle celle fotovoltaiche di oltre il 60%. Una riduzione dei costi che diventa del 30% quando si prendono in esame le celle fotovoltaiche più costose, con substrato in puro Germanio. continua a leggere…

, , , , ,

Nessun commento

Energia dalle pedalate: debutta la bici ibrida

Fonte: www.corriere.it

La “Green wheel” presentata a Copenaghen. Un progetto nato dall’idea di un italiano che lavora al Mit

COPENAGHEN (Alessandra Arachi, Corriere della Sera) — C’è da dire che in ita­liano le hanno dato un nome davvero brut­to e complicato: bicicletta ibrido-elettrica a pedalata assistita ad emissioni zero. Green wheel suona decisamente meglio. Anche se poi, ovviamente, la semplificazione anglo­sassone non rende certo l’idea del piccolo gioiello che è stato presentato ieri a Cope­naghen: una bicicletta che riesce a trasfor­mare in energia elettrica le pedalate, racco­gliendo l’energia passiva (semplicemente le frenate). L’uovo di Colombo. Ovvero: un colpo di genio. Il colpo di Carlo Ratti, 38 anni di scienza italiana oggi al servizio del Massachusetts Institute of Technology di Boston.

Green wheel - Particolare del prototipo di bicicletta ibrida sviluppata dal MIT.

Green wheel - Particolare del prototipo di bicicletta ibrida sviluppata dal MIT.

«L’idea mi è venuta pensando alla Formula uno, ovvero al kers», dice il giovane professor Ratti spiegando che il kers altro non è se non l’acronimo (inglese) di un sistema di recupero dell’energia cinetica che si trova dentro le ruote e nel motore dei bolidi del­la Formula uno. Semplice no? No, ovviamente. Ma alla Ducati Energia hanno capito subito che era il caso di dar retta a questo giovane professore italiano a capo di un team di una trentina di persone, età media trent’anni. «Sono entrata in con­tatto con loro grazie al ministero dell’Am­biente italiano», spiega Federica Guidi, si­cura — come direttore generale della Duca­ti — che nel giro di sei mesi il prototipo di questa bicicletta sarà disponibile sul merca­to a non più di mille euro. «A Copenaghen la bicicletta è un mezzo molto usato e noi dobbiamo prendere esempio da qui perché la lotta per la salvez­za del pianeta passa molto attraverso i nuo­vi stili di vita», ha detto Stefania Prestigia­como, che come ministro dell’Ambiente ha cofinanziato la realizzazione di questa bici­cletta elettrica. continua a leggere…

, , ,

Nessun commento

Intel anticiperà i six-core

Fonte: www.punto-informatico.it

Le ultime indiscrezioni sostengono che Santa Clara lancerà la sua prima CPU desktop a sei core già nel corso del primo trimestre dell’anno. Questo chip conserverà il brand Core i7

Roma – Secondo le più recenti indiscrezioni, le prime CPU a sei core di Intel (nome in codice Gulftown) arriveranno sul mercato nel primo trimestre del 2010, dunque con qualche mese di anticipo rispetto a quanto inizialmente pronosticato. Queste stesse fonti sostengono inoltre che i primi modelli di Gulftown non adotteranno il brand Core i9, ma conserveranno quello Core i7 dei preesistenti processori quad-core di fascia alta. DKAP9RP5XB9Q

Stando all’immagine di una presunta slide di Microsoft, il primo modello di Gulftown sarà il Core i7 980X Extreme Edition, le cui specifiche parlano di un clock a 3,33 GHz, 12 MB di cache L3 unificata, un controller di memoria DDR3 triple-channel e un TDP di 130 watt. continua a leggere…

Nessun commento

Club Innovatori, valore aggiunto per le imprese

Fonte: www.emmeweb.it

Confindustria Modena – A poco più di un mese dall’inizio delle sue attività il neonato Club degli innovatori riscuote vivo interesse: all’attivo due tavoli di lavoro e 50 aziende iscritte

Club degli InnovatoriAll’attivo due tavoli di lavoro e una cinquantina di aziende iscritte. Il Club degli innovatori, a poco più di un mese dall’inizio delle sue attività, naviga col vento in poppa.

Giovedì 3 dicembre, le aziende che hanno preso parte al secondo e ultimo appuntamento di questo 2009, incentrato sui modelli organizzativi dell’ufficio tecnico, sono state 16: Angelo Po, Cms, Caprari, Centro Alesatura, Elettromeccanica Tironi, Fox Bompani, Gruppo Fabbri, Klarius, Lm, Mantovanibenne, Nilfisk-Cfm, Simpesfaip, Tec Eurolab, Tellure Rôta, Zadi e Zetech. continua a leggere

,

Nessun commento

C.M.S. spa annuncia la pubblicazione del suo primo BILANCIO SOCIALE

Fonte: www.affaricentronord.it

MODENA 14 DICEMBRE – C.M.S. spa è la capofila di 7 aziende che costituiscono il Gruppo C.M.S., attivo principalmente nel comparto meccanico, con alcuni prodotti nell’informatica e nel settore ambientale. C.M.S. spa, in particolare, dal 1975 si occupa di lavorazioni meccaniche per conto terzi ed è specializzata nella produzione di parti e componenti meccanici, montaggi e costruzione di macchine e gruppi completi. Con un organico di 180 persone che operano in 3 stabilimenti, tutti situati a Marano sul Panaro, C.M.S. spa ha raggiunto nel 2008 un fatturato di più di 53milioni di euro realizzato con clienti che rivestono posizione di leadership in avanzati settori merceologici. C.M.S. spa ha pubblicato in questi giorni il suo primo Bilancio Sociale, una modalità di comunicazione trasparente nei confronti degli stakeholders, degli interlocutori dell’azienda, di coloro cioè che nutrono aspettative dal rapportarsi con essa: clienti e fornitori, dipendenti, comunità e territorio, mondo finanziario e Istituzioni. Nel documento vengono dettagliatamente enunciati i principali obiettivi che l’azienda si è posta – economici, commerciali, qualitativi, sociali, ambientali – e, tramite procedure di autovalutazione, il livello di raggiungimento degli stessi non prescindendo dalla compatibilità con l’interesse generale; vi si fa pure riferimento al Codice Etico, all’Analisi del clima aziendale cui vengono invitati a partecipare tutti i dipendenti ed all’adozione di misure ambientali e di sicurezza. continua a leggere…

Nessun commento

Google Goggles, la fotografia è una query

Fonte: www.webnews.it

Gli utenti in possesso di un telefonino Android hanno la possibilità di scaricare fin da subito l’applicazione gratuita Google Goggles con cui fotografare oggetti per ricavarne immediate informazioni correlate. Valido per monumenti, luoghi, libri e altro

L’applicazione non esprime forse oggi tutto il potenziale che incarna, ma in prospettiva Google Goggles è qualcosa di importante poiché permette, sulla base di un enorme database di immagini, di confrontare rappresentazioni similari per trarne i collegamenti opportuni. Per un motore di ricerca ciò significa il confronto tra una foto ed una immagine archiviata per poterne restituire quante più informazioni possibili.

Il funzionamento è estremamente semplice: l’utente non deve far altro che scattare una foto dell’oggetto desiderato ed inviarla a Google, da cui giungerà il risultato della scannerizzazione che trasforma l’oggetto in query. Non occorre scrivere o scegliere altro: semplicemente il motore “vede” l’oggetto, lo cerca e restituisce all’utente le informazioni ricavate. Sette le categorie su cui Google promette di dare risultati apprezzabili: monumenti, libri, informazioni di contatto, opere d’arte, luoghi, vini e loghi. Per ognuna di queste categorie Google ritiene di avere a disposizione un numero sufficiente di informazioni sui quali effettuare i confronti per restituire le risposte cercate. continua a leggere…

2 Commenti