Archivio ottobre 2009

Microsoft aprirà il formato .pst

Fonte: Web News

Microsoft aprirà il formato .pst

di: Giacomo Dotta

Microsoft sta per rendere pubblica la documentazione tecnica relativa al formato .pst usato da Outlook per l’archiviazione di email, contatti ed appuntamenti. L’apertura garantirà la portabilità dei dati su altri software o servizi. Con un annuncio sul blog dedicato alla portabilità dei formati Microsoft, il gruppo annuncia una nuova apertura per un formato storicamente chiuso. Toccherà, in questo caso, al noto formato .pst, utilizzato da Outlook per l’archiviazione di email, contatti, appuntamenti e quant’altro.
Spiega il blog: «La portabilità dei dati è diventata una necessità crescente per i nostro utenti e partner con l’aumentare delle informazioni archiviate e condivise in formato digitale». La nuova necessità, continua il post, è nelle «modalità con cui è possibile migliorare ulteriormente la piattaforma di accesso a email, calendari, contatti e altri dati generati da Microsoft Outlook. Sui desktop i dati sono archiviati nella Outlook Personal Folders, in un formato chiamato .pst. Gli sviluppatori possono già accedere ai dati archiviati nei file .pst usando Messaging API (MAPI) ed Outlook Object Model [...] ma solo se Outlook è installato sul desktop».  continua a leggere…

Nessun commento

Alternative Energy Powers Up

Fonte: ThomsonReuters

Staking out the patent landscape for energy from wind, sun and waves

di Susan E. Cullen, ThomsonReuters

Overview – The race amongst the world‘s largest nations to secure energy independence in the 21st century is fueling a surge in alternative energy research and development. From North America to Europe to Asia, countries are devoting tens of billions of dollars to fund research for wind, solar and marine energy technologies.
Inventors and entrepreneurs around the world are racing to get a piece of that pie and to lay claim to the technological breakthroughs that will ultimately make alternative energy a viable largescale solution. Who will the leaders in alternative energy be, what technologies will they pioneer and where will they come from?

Alternative Energy Powers UpTo find out, the Intellectual Property Solutions business of Thomson Reuters analyzed global R&D activity in the fields of wind, solar and marine power, tracking global patent activity by technology type, region and organization type. By assessing patent activity in this manner, researchers were able to gain insights into areas of innovation that are receiving the most attention across each link in the R&D chain, from academic and government research to small commercial developers to large industrial producers who will ultimately bring new solutions to market. This approach of measuring patent activity across these three links – the three estates of R&D – provides insight into not only the pace of innovation but also the maturity of new technologies under development.

Report disponibile su sito web Intellectual Propery Solutions di Thomson Reuters.

, , ,

Nessun commento

Testing Cheap Wind Power

Fonte: Technology Review

A continuously variable transmission could lead to cheaper wind power–if it is rugged enough.

By Peter Fairley (Technology Review)

Federal stimulus funds awarded to a wind-energy research consortium led by Illinois Institute of Technology will accelerate testing of small wind turbines that could point the way towards more efficient utility-scale machines. The eight-kilowatt turbines, the product of Cedar Park, TX-based Viryd Technologies, use a mechanical approach–continuously variable transmission (CVT) technology–to convert fluctuating wind speeds into the precise stream of alternating current required by power grids. If it can replace the pricey power electronics that regulate power in most turbines today, the same technology could cut the cost of wind-power generation at any scale.

Black box: This eight-kilowatt wind turbine uses a continuously variable transmission--the small, silver-colored unit on the left below the rotor--to regulate its power. The turbine’s developer, Cedar Park, TX-based Viryd Technologies, claims that its use of mechanical instead of digital power regulation will cut manufacturing costs by 20 percent and boost power output. Credit: Viryd Technologies

Black box: This eight-kilowatt wind turbine uses a continuously variable transmission--the small, silver-colored unit on the left below the rotor--to regulate its power. The turbine’s developer, Cedar Park, TX-based Viryd Technologies, claims that its use of mechanical instead of digital power regulation will cut manufacturing costs by 20 percent and boost power output. Credit: Viryd Technologies

The question is whether the CVT is tough enough. Viryd parent company Fallbrook Technologies has already commercialized its technology as a smooth-shifting alternative to gears and derailleurs in high-end bicycles and is working on larger vehicle applications. Wind power, however, is a particularly demanding application, according to Jason Cotrell, a senior engineer at the Department of Energy’s National Wind Technology Center in Golden, CO. “Wind turbines are subject to very high torque for 80,000 hours of operation, so it’s a very challenging environment,” Cotrell says. “CVTs tend to be complex, and we haven’t yet verified that they’re suitably robust.”

Most CVTs vary transmission ratios by sliding metal belts up and down a set of precision curved parts–a design that is expensive to implement at high torque. Fallbrook’s technology relies on comparatively simple parts, promising lower cost and greater durability, according to CTO Rob Smithson. “It’s basically a big ball bearing, which is a global commodity,” Smithson says. continua a leggere…

, ,

Nessun commento

Che fanno i nostri amici sul web? Google lancia il “social search”

Fonte: Repubblica

L’ultima trovata del colosso di Mountain View è la possibilità di scandagliare i contenuti online delle persone appartenenti alla nostra sfera sociale. E intanto guarda con interesse al mercato della telefonia

di ALESSANDRO LONGO (
Repubblica.it)

SI CHIAMA Social Search l’ultima trovata di Google per restare al passo coi tempi in fatto di motori di ricerca. È un servizio per ora sperimentale e solo in lingua inglese, a cui chiunque può aderire. Dopo averlo attivato da un’apposita pagina, tra i risultati delle ricerche comparirà una sezione speciale, intitolata Results from people in your social circle. Cioè risultati che vengono dalle persone nella tua sfera sociale. Significa che se per esempio le parole “PD” e “primarie” sul motore di ricerca, nei risultati social search appariranno pagine, commenti, foto e video creati dai nostri amici e contatti sulle primarie del PD.  continua a leggere…

,

Nessun commento

High-Energy Batteries Coming to Market

Fonte: Technology Review

Rechargeable zinc-air batteries can store three times the energy of a lithium-ion battery.

By Kevin Bullis (Technology Review)

A Swiss company says it has developed rechargeable zinc-air batteries that can store three times the energy of lithium ion batteries, by volume, while costing only half as much. ReVolt, of Staefa, Switzerland, plans to sell small “button cell” batteries for hearing aids starting next year and to incorporate its technology into ever larger batteries, introducing cell-phone and electric bicycle batteries in the next few years. It is also starting to develop large-format batteries for electric vehicles.

ReVolt Battery

Battery unpacked: This graphic illustrates the multilayered structure of a ReVolt rechargeable zinc-air battery. From top to bottom: the battery cover, which lets in air; a porous air electrode; the interface between electrodes; the zinc electrode; the casing. Credit: ReVolt

The battery design is based on technology developed at SINTEF, a research institute in Trondheim, Norway. ReVolt was founded to bring it to market and so far has raised 24 million euros in investment. James McDougal, the company’s CEO, says that the technology overcomes the main problem with zinc-air rechargeable batteries–that they typically stop working after relatively few charges. If the technology can be scaled up, zinc-air batteries could make electric vehicles more practical by lowering their costs and increasing their range.

Unlike conventional batteries, which contain all the reactants needed to generate electricity, zinc-air batteries rely on oxygen from the atmosphere to generate current. In the late 1980s they were considered one of the most promising battery technologies because of their high theoretical energy-storage capacity, says Gary Henriksen, manager of the electrochemical energy storage department at Argonne National Laboratory in Illinois. The battery chemistry is also relatively safe because it doesn’t require volatile materials, so zinc-air batteries are not prone to catching fire like lithium-ion batteries. continua a leggere…

, , ,

Nessun commento

Il supercomputer Roadrunner a caccia di materia oscura

Fonte: Corriere.it

Pronto all’uso il supercomputer più veloce del mondo, che occupa 560 metri quadrati di spazio

MILANO – Gli astrofisici negli ultimi anni hanno fatto enormi passi avanti nella comprensione dell’universo, eppure resta ancora ignoto oltre il 90 per cento della materia e dell’energia che lo compongono. L’ignoto ha però un nome, anzi due: materia oscura (il 22 per cento del totale) ed energia oscura (il 74 per cento del totale). Nel tentativo di capirci qualcosa di più, e per superare le limitazioni dell’indagine «a vista» effettuata grazie ai telescopi, ci si affida alle simulazioni virtuali con la speranza che partendo dall’analisi del noto si possa giungere alla comprensione del tutto. Da oggi, grazie alle ultime migliorie apportate al supercomputer più grande del mondo, c’è qualche speranza in più di progredire sulla strada della conoscenza.

RoadrunnerBEEP BEEP – Roadrunner, il supercomputer realizzato da Ibm nel 2002, è infatti pronto a mettere la sua straordinaria capacità di calcolo a disposizione dell’indagine sulla parte oscura dell’universo, oltre che a quella di altri nove progetti dalle esigenze di calcolo analoghe. L’ultimo aggiornamento, compiuto nel settembre scorso, gli ha permesso di raggiungere una velocità di elaborazione dati di 1.105 petaflop, ossia 1 seguito da quindici zeri calcoli al secondo. Da queste prestazioni il nome con cui la macchina (che occupa 560 metri quadrati di spazio) è stata battezzata, in onore del corridore della strada gigante (roadrunner in inglese) che perennemente sfugge a Wile E. Coyote nei popolari cartoni animati della Warner Bros. La sede di Roadrunner è il centro di ricerca dell’Amministrazione nazionale della sicurezza nazionale (Nnsa) di Los Alamos, nel New Mexico.  continua a leggere…

, , ,

Nessun commento

Aquiloni a turbina sotto i mari per produrre energia con le correnti

Fonte: Corriere.it

Aquiloni a turbina sotto i mari per produrre energia con le correnti

Interessato il ministero dell’Energia britannico: un kW costerebbe tra 0,06 e 0,14 euro

In inglese si chiama serendipity, in italiano coincidenza. Cioè si sta cercando qualcosa in un certo campo, quando si scopre che invece funziona in tutt’altra direzione. È quanto avvenuto alla Minesto, compagnia del gruppo svedese Saab. Gli ingegneri stavano studiando un aquilone a turbina per produrre energia con il vento, quando si sono accorti che l’apparecchio sarebbe stato molto più efficiente immerso nel mare, dove l’acqua è 832 volte più densa dell’aria. continua a leggere…

Nessun commento

RFID, Applicazione Immergas

Fonte: euro-link.it

Produzione di caldaie a gas con RFID, a cura di Mirco Agoletti di Immergas e Ilario Caldana di Eurolink

Nata nel 1964 e specializzatasi rapidamente nella progettazione e costruzione di caldaie a gas per uso domestico, Immergas è oggi una realtà in costante espansione, con un organico di oltre 700 dipendenti, una superficie coperta di circa 50.000 metri quadrati, un fatturato che nel 2005 ha superato i 200 milioni di euro.

Il progetto RFID realizzato in Immergas, con il supporto del partner tecnologico Eurolink, ha al centro Sintex, un sistema di identificazione per il controllo automatico e la raccolta dei dati che è stato applicato alle diverse fasi di produzione delle caldaie. Il sistema supervisiona e gestisce la produzione attraverso postazioni e strumenti di collaudo posti lungo la linea in movimento, raccoglie dati e dialoga con il sistema di elaborazione dati centrale.
Il progetto è nato in risposta alla necessità di creare dei collegamenti in grado di trasferire i dati dalla fabbrica al sistema gestionale e di realizzare stazioni con requisiti particolari per controllare gli strumenti di produzione in essere in modo da coinvolgere il meno possibile gli operatori.
Gli obiettivi del progetto sono stati declinati nella possibilità di identificare in modo univoco ogni singola caldaia prodotta prima dell’assemblaggio e di verificare che tutti i collaudi previsti siano effettuati nel corso del processo produttivo al fine di assicurare tutte le garanzie di sicurezza nei confronti sia degli operatori durante l’assemblaggio, sia degli utenti finali nell’utilizzo del prodotto. continua a leggere…

Nessun commento

G.D: nuovo AD sarà Angelos Papadimitriou

Fonte: AffariCentroNord

BOLOGNA, 22 OTT – Dopo le dimissioni dall’incarico di amministratore delegato della G.D – azienda bolognese leader mondiale nella produzione di macchine impacchettatrici – di Marco Casiraghi, la società ha reso noto che nuovo Ad sarà Angelos Papadimitriou. Il nuovo dirigente proviene dalla GlaxoSmithKline Pharma Italia e Sud Est Europa, dove ha ricoperto per cinque anni la carica di presidente e amministratore delegato. Casiraghi, entrato nel gruppo nel 1999, resterà in carica sino al 31 dicembre. Il nuovo Ad verrà nominato in occasione del prossimo consiglio di amministrazione di dicembre.

Nessun commento

Nanopatterns Improve Thin-Film Solar Cells

Fonte: Technology Review

Thin-film silicon solar cells are more efficient with tiny holes in the back electrical contact.

By Kate Greene (Technology Review)

Any given solar-cell technology has drawbacks and advantages. Thin-film solar cells, for instance, require less material than traditional solar cells, and are therefore cheaper, lighter, and flexible. And if those thin films are made with amorphous silicon, the cost is further reduced. The problem, however, is that thin-film solar cells made of amorphous silicon tend to have extremely low efficiencies compared to thicker, crystalline silicon photovoltaics.

thinfilm_x220

Rainbow response: The absorption of light with a wavelength of 660 nanometers is greatest for the spacing and diameter of the holes in the dark-red portion of this graphic. The inset shows the layout of the cell. Credit: Harry Hatwater

But now, research from Caltech shows that it’s possible to increase the efficiency of thin-film amorphous silicon cells 37 percent–from 4.5 percent efficiency to 6.5 percent, which is still significantly lower than commercial crystalline silicon cells that achieve efficiencies of more than 30 percent–by simply adding a pattern of nanoscale holes to the electrical contact on the back side of cells. Importantly, the research, led by Harry Atwater, professor of applied physics and materials science at Caltech, appears to be practical for scaling up to large-scale production of the cells.

A number of researchers and startups are exploring thin-film solar cells made of nonsilicon materials. But, says Atwater, these materials are relatively rare, and as such, they aren’t practical for widespread use. “These represent challenges at extremely large scale,” he says. continua a leggere…

, , ,

Nessun commento